palau porto-rafael

L'escursione parte dal porticciolo di Palau, comune che ha recentemente avuto la bandiera blu da lega ambiente, da li si passerà lungo la costa di graniti modellati dal vento, fari suggestivi, fino ad arrivare a Porto Rafael famoso luogo di villeggiatura dove molti imprenditori internazionali passano le vacanze. La pausa per il pranzo al sacco, e presso una splendida spiaggia con una duna protetta alta più di 10 metri, da quel punto si può osservare la cittadina di Bonifacio, in Corsica con le sue scogliere bianche.

lago liscia

Il lago Liscia è un lago artificiale della Gallura, nella Sardegna settentrionale, situato tra i comuni di Sant'Antonio di GalluraLurasArzachena e Luogosanto.

Trova origine nello sbarramento del fiume Liscia e di altri torrenti minori mediante una diga a gravità alleggerita alta 69 metri, terminata nel 1962. La capacità massima dell'invaso è di 105 milioni di m3, ma questa ha potuto essere effettivamente raggiunta solo nel 2004, quando si è provveduto al potenziamento della struttura ed al suo collaudo statico.

Il lago artificiale garantisce l'approvvigionamento idrico di tutta la bassa Gallura, dove, specie nella stagione estiva, si ha una forte richiesta d'acqua per via dell'alta concentrazione turistica.

Il percorso e di circa 8 km a metà strada all interno di un vigneto sarà possibile gustare i prodotti tipici di quel posto,preparati dai pastori ,ed anche una degustazione di vino prodotto dalla vigna,il tutto immergendosi nella sardegna più selvaggia,circondati da olivi millenari patrimonio dell UNESCO

costa smeralda

Costa Smeralda (Monti di Mola in gallurese) è un tratto costiero gallurese nel nord-est dellaSardegna. L'espressione, coniata negli anni sessanta, indicava originariamente il solo tratto della costa di Arzachena, in provincia di Olbia-Tempio, interessata dal progetto dell'omonimoConsorzio Costa Smeralda.

La regione turistica, compresa nel territorio comunale di Arzachena, si estende su un tratto di costa di una ventina di chilometri. La costa è caratterizzata dalla presenza di numerose insenature, piccole spiagge, e poco distante da numerose isole fra cui l'arcipelago della Maddalena, e altre come CappucciniBisceLi NibaniMortorioLe Camere e Soffi. Il territorio era prevalentemente disabitato fino a tutta la prima metà del XX secolo fino alla nascita, nel 1962, del Consorzio Costa Smeralda per mano del principe ismaelita Karim Aga Khan. Ben presto questo divenne un luogo di elezione del jet set internazionale, con locali come ilBillionaire, e ripreso da film come Vacanze sulla Costa Smeralda e Vita Smeralda.

Il cuore della Costa Smeralda è Porto Cervo dove si trovano anche tutti i servizi e altre numerose zone commerciali e residenziali come Romazzino, Cala di Volpe, Piccolo Pevero, Pevero Golf, Pantogia e Liscia di Vacca

L escursione partirà dal famoso cala di volpe ,fino all hotel ramazzino passando per le spiagge più famose,come capriccioli,la spiaggia del principe il percorso e di 10 km

capo-d-orso-caprera-header
L'isola di Caprera fa parte dell'arcipelago della Maddalena, appartenente al comune di La Maddalena nella costa nord-orientale della Sardegna. La cima più alta, Monte Teialone, raggiunge i 212 metri s.l.m. e l'isola, con una superficie di 15,7 km², seconda per estensione dopo quella della Maddalena, è collegata ad essa da un ponte.
È scarsamente popolata: la maggior parte degli abitanti risiede nella frazione di Stagnali
.

L'isola di Caprera è interamente compresa nel Parco Nazionale dell'Arcipelago della Maddalena, un'area protetta marina e terrestre di interesse nazionale e comunitario. In particolare la zona marina di fronte all'area di Punta Rossa, estrema propaggine a sud dell'isola, è un'area a massima tutela ambientale, con Cala Andreani e la Spiaggia del Relitto. La dorsale orientale dell'isola è zona terrestre a protezione integrale, mentre l'area marina antistante Punta Coticcio, compresa Cala Coticcio, è protetta con provvedimenti dell'Ente gestore del Parco Nazionale. Significativa è la presenza di numerosi endemismi in tutta l'isola.

Capo d'Orso  si trova sulla costa settentrionale della Sardegna

Le coste sono frastagliate ,rocciose ,una grande pineta si trova nella spiaggia, di palau vecchio, da dove parte l escursione. Poco fuori dal paese è situata, la fortezza di monte altura,una fortezza militare sopraelevata,che serviva come punto di vista panoramica Dell intera zona marina circostante ,costruita in due anni dal 1887 al 1889 è visita ile dai turisti.

Nei pressi del paese si trova la roccia Dell orso ,visibile anche dal mare,una collina granitica di 122m, modellata dagli agenti atmosferici è famosa per la sua forma d'orso. 

La lunghezza del percorso è di 16 km, la sosta prevista è a Cala Portese dove si consumerà il pranzo al sacco.

tavolara 01

Quest'isola selvaggia e incontaminata fa oggi parte del parco marino di Tavolara e capo coda cavallo e offre riparo per la nidificazione di numerose specie di uccelli marini.

Fino agli anni '70 nelle meravigliose grotte e anfratti si riproduceva la foca monaca, oggi scomparsa dall'isola. A levante è presente una base nato con una stazione radiotelegrafica ad onda lunga per comunicazione con i sommergibili, dove però è severamente vietato lo sbarco.

L'isola si presenta come un maestoso massiccio calcare a picco sul mare, di forma grossomodo rettangolare lungo circa 6 km e largo 1 km raggiunge la quota massima di 565 metri s.l.m (sul livello del mare).

L'escursione parte da Porto Taverna, prima di arrivare a Tavolara si passa per il relitto della Chrisso, che si trova a punta greca. Battente bandiera cipriota fu costruita nel 1958 e nonostante la tradizione voglia che porti male cambiare il nome alla nave, le fu cambiato 4 volte e la notte del 31 dicembre 1974, durante una tramontana fortissima che impedì all'equipaggio di recuperare le ancore per ripararsi a Tavolara, la Chrisso si incagliò, per molte tempo visse a bordo un custode in attesa di essere recuperata, ma successivamente un incendio la distrusse definitivamente.

prenota escursione

prenota ombrellone